Semplicità d’oro

TRAMONTO.jpg

La risposta a tutto è nella semplicità, frase sentita e risentita ma fin troppo vera e giusta.

I nostri anziani parenti vivevano in uno spazio-tempo definibile “semplice”.

Quante volte avrete sentito dirvi “si stava meglio quando si stava peggio?” Persino le sfaccettature di questa dichiarazione sono semplici da capire, ma perchè ve ne parlo? Ora ci arriverete..

Dunque come penso sappiate l’intento del mio blog è risvegliare in chiunque legga le mie parole l’animo creativo e VIVO che permette di accedere ad un livello di coscienza e felicità maggiore di quello che purtroppo spesso e blandamente possediamo. Sapete cosa lega un genio creativo al suo successo? La pazzia! Non il degenerare del cervello, ma la bollente, ardente, incandescente voglia di vivere.. quella voglia quasi sovraumana  che vi permette di non dormire, non mangiare, non bere a lungo e senza accorgervene.

La frase che ho appuntato ad inizio articolo di solito chi la pronuncia? Nel mio caso persone che hanno una intera vita alle spalle e che ora si accontentano di stare seduti ad ammirare un tramonto o la propria amata come in una magnifica produzione disney.

Si, è vero stavano peggio ma avevano meno scelte e dovevano ricorrere alla creatività per divertirsi, tant’è che di passi avanti a livello di intrattenimento ne abbiamo fatti.. di giganteschi e in poco tempo.

Provate semplicemente a stringere la mano di un anziano, se sarete attenti ai vostri sensi percepirete come un fluire delle loro verità attraverso le loro membra fino alle vostre, da mani spesso grandi e forgiate dal duro lavoro sentirete un calore diverso dal normale, un calore rilassante e chiarificante; se accettate il fatto che anche i più grandi problemi della vita possono risolversi in un semplicissimo gesto allora così sarà anche nella vostra realtà.

Viviamo in un era dove preoccupazioni subdole cercano di tramare a vostre spese, costringendovi all’inerzia mentale e fisica, preoccupazioni che in realtà non esistono così come non esistevano negli anni dello “stare peggio”. Non sto parlando di valori ma dell’accettare le linee guida che voi nel vostro cuore gia avete scritte ma che sono così difficili da trovare ed accettare in questo millennio.

C’è chi è ormai convinto, anzi rassegnato al fatto che la vita non possa dare più di quanto vediamo eppure guardate: divertimento ludico e multimediale, tecnologia, aerei, musica e altre maestose meraviglie sono state frutto della nostra mente, per questo vi incito ad alzarvi e splendere, correte i vostri rischi ma in tutto ciò divertitevi.

Come ho scritto poco fa i nostri anziani si sono divertiti e hanno vissuto di una esistenza semplice e anche dura, ma salvo saltuarie noie nessuno di loro si pente di non aver vissuto, avevano poche scelte e le hanno sfruttate tutte. Noi invece rischiamo di diventare la generazione dei vecchi lamentosi. Se non vogliamo vivere di rancori e rabbia fra qualche anno bisogna fin da ora prendere in mano la nostra vita e dedicarci a ciò che più ci piace. Potremo scegliere la via della sicurezza economica e dell’accontentarsi ma io sono dell’idea che questo non sia altro che la scusa per non mettersi in gioco, il non prendere il volo, una sola apparente felicità… chi si accontenta, si accontenta e basta…

Non dico che per prendere il volo non sia necessario mandare giù qualche boccone amaro, anzi spesso ad esempio risparmiare soldi serve proprio per i nostri propositi più ambiziosi. Ma allora non sprecateli in temporanee felicità, datevi un sano obiettivo e tentate di raggiungerlo.. Le preoccupazioni servono solo a farvi capire quanto senza di esse voi siate forti, coraggiosi e immensi.

Parlate con gli anziani, vi diranno delle loro imprese “eroiche” e ne andranno fieri, voi unite che ad una certa età si diventa ancora più attaccati ai propri ricordi e al rievocarli così ne guadagnerete entrambi; sembreranno storie banali ma ricordate che per queste persone, anche il semplice costruire una casa o una famiglia, è stato un viaggio degno di nota, da gente che ha combattuto anni per raggiungere quelli che allora erano i sogni più ambiti. Essi hanno lottato con la semplicità dell’animo e del corpo, sfinendosi giorno dopo giorno ma arrivando.. in cima.

I nostri vecchi vengono ritenuti da tanti un peso quando invece da loro può prendere forma la nostra personalità, la nostra ricchezza e la nostra vita soprattutto..

Nell’ascoltarli cercate di leggere oltre le semplici righe di una vita che sembra all’altezza di tutti, calcolate lo svantaggio che avevano nel passato e cercate di scrutare il magnifico cammino carico di sogni che hanno percorso, ne rimarrete affascinati, inoltre loro hanno bisogno delle nostre orecchie così come noi abbiamo bisogno delle loro parole.

Passare del tempo con un anziano non è una perdita, loro cercano di trasmettervi la verità dietro la semplicità di ogni gesto che li ha resi così.. forti.. nell’animo, se sono così legati ai ricordi è proprio perchè si sentono inadeguati ma allora erano dei leoni, capaci di tutto.. solo credendo nelle proprie convinzioni hanno rivoluzionato il loro mondo.. c’è solo da imparare nelle loro parole.

Tengo a questo argomento particolarmente, spero di avervi trasmesso la stessa emozione con la quale ho digitato parola dopo parola. Se sono ciò che sono, lo devo anche alla mia “schiera” di anziani, che da adolescente sottovalutavo ma che ora mi hanno portato a vivere di valori e sane motivazioni.. alcuni di loro hanno estirpato le radici maligne più profonde e ostiche che avevo dentro me solo tenendomi per mano qualche minuto.. questo articolo lo dedico a loro, in tributo a chi una vita l’ha vissuta con semplicità.. ma nella maniera più gloriosa di sempre..

 

 

 

Annunci

4 pensieri su “Semplicità d’oro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...